Novità

Ora è anche web radio
Banner

webmagazine

Banner
You are here:   Home

Chi è online

 19 visitatori online

Notizie flash

Nuovi contributi nelle Rubriche:

Arte e Scuola

Cerca

holidays-tonicopi

Face FanBox or LikeBox

musicPlayer

L’Alfabeto del futuro

Martedì 28 Maggio 2024 06:45 Maria Fanizza
Stampa PDF

 

 L'Alfabeto del futuro Maria FanizzaIMG 2164

L’Alfabeto del futuro” fa tappa a Bari domani 29 maggio alle 10,30 nell’aula magna Attilio Alto del Politecnico.

È il progetto del gruppo editoriale Gedi che negli anni, con i suoi quotidiani, i giornalisti e Intesa Sanpaolo, ha toccato molte città per mettere a fuoco le migliori risorse che l’Italia custodisce, un patrimonio di talento ed esperienza che guida il Paese nella ricerca tecnologica.

Ci saranno il direttore di Repubblica, Maurizio Molinari, e il vicedirettore con delega all’Economia, Walter Galbiati.

Quattro i panel in programma. 

Nel primo, coordinato dal caporedattore di Repubblica Bari, Domenico Castellaneta, intervengono il rettore del PoliBa, Francesco Cupertino, il sindaco di Bari Antonio Decaro e il presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontana. 

Ed anche  “ La Puglia, culla di tecnologia”, nella quale saranno raccontati i casi di Exprivia, con il presidente e ceo Domenico Favuzzi, di Planetek

 ( con il ceo Giovanni Sylos Labini), Roboze ( con il ceo Giuseppe Porcelli) e della Angel Holding ( con il ceo diAngelo 4 Future, di Matipay e Vaimoo, Matteo Pertosa). Modera il giornalista di Repubblica Bari Cenzio Di Zanni.

Nel terzo panel in programma il direttore Molinari intervista Andrea Casaluci, ceo di Pirelli, una delle multinazionali sbarcate in città negli ultimi tempi, quella che registra l’accelerazione più importante in termini di occupazione e investimenti. 

Leggi tutto...
 

Museo della radio

Mercoledì 22 Maggio 2024 06:31 Maria Fanizza
Stampa PDF

Bari ha il museo della Radio e 

il museo dei fari e delle torre costiere della Puglia Fanizza Maria

 

 

 

E’ stato inaugurato il 21 maggio 2024,, il “Museo dei fari e delle torri costiere della Puglia” e il “Museo della radio”.

 L’intervento di restauro e rifunzionalizzazione, dell’importo complessivo di 510.000 euro, rientra nel progetto “CoHeN - Coastal Heritage Network”, finanziato nell’ambito della 4^ targeted call per progetti strategici del Programma Interreg V/A Grecia-Italia 2014-2020, di cui la Regione Puglia è unico partner italiano.

Il progetto, realizzato in sinergia con la Marina Militare, ha promosso la cooperazione transfrontaliera per la creazione di un nuovo itinerario adriatico-ionico: in Puglia il restauro, la rifunzionalizzazione e l’allestimento di alcuni fari e torri costiere hanno consentito la realizzazione della prima rete pubblica di architetture marittime, concepite come luoghi espositivi e informativi per la conoscenza di temi legati al mare e all’identità dei paesaggi costieri.

Grazie a questi interventi gli ambienti individuati al piano terra sono stati destinati a un nuovo percorso espositivo sui temi delle architetture costiere di Puglia e delle comunicazioni radio, in ricordo del primo collegamento radiotelegrafico via etere con il Montenegro, attraverso il mar Adriatico, realizzato il 3 agosto 1904 da Guglielmo Marconi proprio dal faro di San Cataldo.

Pertanto, da un lato sono stati preservati i caratteri materici e tipologici di un bene culturale vincolato qual è il faro, dall’altro ripristinati gli aspetti distributivi originari, rilevati dallo studio della documentazione storica, che, a causa dei successivi interventi manutentivi, risultavano alterati prima del cantiere di riqualificazione.

Leggi tutto...
 

Stagione teatrale di Bari

Sabato 20 Aprile 2024 04:58 Maria Fanizza
Stampa PDF

STAGIONE TEATRALE DI BARI 2024/25 Fanizza Maria

 

È stata presentata questa mattina, nel foyer del teatro comunale Niccolò Piccinni, la stagione teatrale e di danza 2024-25 Altri Mondi, organizzata dal Comune di Bari - Assessorato alle Culture in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

A illustrare il cartellone della nuova stagione comunale, alla presenza dell’assessora alle Culture, Giulia Delli Santi, dirigente responsabile attività teatrali del Teatro Pubblico Pugliese, Sante Levante, direttore del Teatro Pubblico Pugliese, Gemma di Tullio, responsabile della programmazione Danza del TPP, e Paolo Ponzio, presidente del Teatro Pubblico Pugliese.

Mentre termina la stagione 2023-24 con il ritorno di Silvio Orlando (25, 26 e 28 aprile) e la riflessione sul Primo Maggio con Home Run (Compagnia Senza Piume in collaborazione con Centro Diaghilev), è già ai nastri di partenza la stagione 2024-25, per assistere alla quale gli abbonati potranno usufruire della prelazione, dal 13 maggio al 14 giugno, mentre i nuovi abbonamenti partiranno dal 24 giugno.

“La stagione di prosa di Bari non è solo un insieme di spettacoli - ha dichiarato Paolo Ponzio -, ma un progetto, un percorso, un cammino, che tentiamo di proporre anno dopo anno per fare sempre un passo in più per andare incontro alle richieste del pubblico e al nostro ruolo di formazione. Per questo nuovo anno esempi di questa crescita sono il laboratorio sull'affettività dedicato alle relazioni e ai sentimenti e la seconda edizione di Bari Diversa, il festival sulle diversità. Per non parlare dei numerosi laboratori per il pubblico. Un percorso, questo, in cui le nostre relazioni devono prendere corpo e il teatro diventa un'occasione per tutti e tutte di approfondire se stessi, assieme agli altri. Il cartellone 2024-, costruito per la prosa da Giulia Delli Santi e per la danza da Gemma Di Tullio, vanta tante esclusive regionali, prime nazionali e anche tanti spettacoli pugliesi, che nascono a Bari e in Puglia dalle compagnie del nostro territorio. Questa stagione di prosa e danza è un'illustrazione chiara e plastica di quella che è la vivacità dello spettacolo dal vivo nella città di Bari, frutto anche di una strategia delle politiche culturali portate avanti con determinazione. Ed è per questo, anche, che ringrazio chi in questi anni ha lavorato in questo percorso per Bari, ovvero l'assessora alle Culture”.

Leggi tutto...
 

San Nicola verso L’alto

Domenica 05 Maggio 2024 09:26 Maria Fanizza
Stampa PDF

 

San Nicola verso l’alto  Fanizza Maria

 

San Nicola, il vescovo di Myra. Un uomo, faro nella notte per gli ultimi contro le ingiustizie di questa terra. Un santo, che innalza le fragilità e le nobilita verso l’alto, che porta le minoranze con sé, verso l’alto, per renderle grandezze. È questo il Patrono a cui la città di Bari rende omaggio nei giorni della sua festa, in un percorso artistico a metà tra cielo e terra, tra tradizione e contemporaneità, tra Est e Ovest.

 

Direttore artistico della manifestazione Raffaello Fusaro; di  quella aerea, che porterà i ballerini della compagnia ResExtensa in danza, sospesi in aria, la coreografa Elisa Barucchieri

 

Il Corteo del 7 maggio, con partenza alle ore 20.30 da piazza Federico di Svevia, attraverserà via San Francesco d’Assisi, piazza Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, largo IV Novembre, lungomare Imperatore Augusto, largo Papa Urbano II per terminare in piazza San Nicola.

 

Il culto di San Nicola è esteso in tutto il mondo. Le sue gesta, di cui vi sono rare tracce documentate, tramandate nei secoli, sono divenute immagini memorabili in un patrimonio unico di leggende, favole popolari, miracoli che sono ancore di pace a tutte le latitudini. 

 

In questa nuova edizione non mancheranno momenti di rievocazione storica in cui si alterneranno i sei gruppi storici della città (Aps I Figuranti di San Nicola, I marinai della traslazione, Timpanisti Nicolaus Barium, Militia Santi Nicolai, Historia, Compagnia d’arme Stratos). In un Medioevo rievocato e immaginario fra gozzi, marinai, cavalieri e figuranti in costume, timpanisti e sbandieratori, saranno portati in azione scenica miracoli e racconti leggendari di San Nicola ma, soprattutto, verrà rievocata la festa per traslazione delle ossa del Santo, ovvero il primo arrivo nella città delle reliquie di San Nicola. 

 

“San Nicola con le sue storie, leggende e miracoli, incarna un patrimonio di riflessioni vive che superano i confini, ricordandoci che le persone, le genti, portano dentro stesso afflato e stessa dignità - ha sottolineato Raffaello Fusaro, direttore artistico del Corteo storico -. San Nicola,Vicino agli ultimi, al popolo, alle donne e agli uomini del mare e delle botteghe, è il Santo che lega la sua immagine al sorriso innocente dei bambini e degli ultimi. Le cronache della traslazione raccontano all’arrivo dei marinai, l’esuberante vittoria del popolo (il significato del nome Nicola, in greco, rimanda a questo concetto). La gioia di una folla innumerevole.  

 

·        Come tutto ebbe inizio: la traslazione delle ossa di San Nicola

 

 

 

Il 6 maggio, alle ore 19, sul molo San Nicola, nel luogo che i baresi chiamano “Nderralalanz”, come da tradizione all’ora del tramonto, sarà messa in scena la traslazione delle ossa del Santo, ovvero il primo arrivo nella città delle reliquie che, secondo la tradizione, furono deposte provvisoriamente nella chiesa di San Michele. Uno scrigno prezioso sarà trasportato da figuranti su piccole barche da pesca, accolto dalle guardie e dal popolo in festa e accompagnato da un interprete di Niceforo, il primo autore ad aver riportato l’incredibile impresa del 1087. Le ossa di San Nicola, infatti, riposarono a Myra per circa 750 anni prima di essere portate in Puglia con un colpo di mano dei marinai. Il pubblico, grazie al piccolo Corteo verso la città vecchia, si immergerà nell’anno 1000 respirando l’aria di festa all’arrivo dei 62 marinai in città, con 50 figuranti e i musicisti che giungeranno alla chiesa di San Michele, dove l’“Abate Elia” deporrà lo scrigno, in attesa della costruzione della Basilica.

 

 

 

·        I quadri del Corteo storico 

 

 

Leggi tutto...
 

Si entra nel clou della manifestazione del gran premio

Giovedì 18 Aprile 2024 05:39 Maria Fanizza
Stampa PDF

8^ RIEVOCAZIONE DEL GRAN PREMIO DI BARI

 

SI AVVICINA IL MOMENTO CLOU DELLA MANIFESTAZIONE, IN PROGRAMMA DAL 25 AL 28 APRILE 2024

 

Ecco il ricco calendario della quattro giorni finale del maggior evento motoristico barese: dal testimonial Riccardo Patrese a tutte le info sulla viabilità di quei giorni, dalle indicazioni sulle auto più prestigiose ai numeri e alle novità di quest’anno.

 

VIDEO TRAILER https://drive.google.com/drive/folders/1SLWX1m1SUmjUSF6NcV4yZqJB_3NU9MFV

PRESS KIT
https://drive.google.com/drive/folders/18wHlql_7xIYaaRDBeOKxUr7hFEtzvdRB?usp=share_link

 

 

Dopo il calendario di eventi collaterali svoltisi a Bari nei giorni scorsi, ci si avvicina al rush finale per l’ottava Rievocazione storica del Gran Premio di Bari, che si svolgerà nel capoluogo pugliese dal 25 al 28 aprile 2024. La città di Bari si prepara ad ospitare la straordinaria sfilata di auto d’epoca organizzata da Old Cars Club, per un’edizione - inserita nell’ASI Circuito Tricolore - che si preannuncia ancora più ricca di spettacolarità.

 

Con un testimonial d’eccezione: sarà Riccardo Patrese, l’ultimo pilota italiano ad aver lottato per il Mondiale piloti in Formula 1, dalla stagione 1992. Il grande pilota padovano, classe 1954, presenzierà nei giorni clou del 27 e 28 aprile e darà il via ai momenti salienti della rievocazione storica. Patrese ha una carriera straordinaria non solo in Formula 1: è stato campione del mondo con i kart, campione italiano ed europeo di Formula 3, ha corso in Formula 1 dal 1977 al 1993, disputando 256 Gran Premi (record rimasto imbattuto per quindici anni) vincendone sei. È stato anche un validissimo pilota nel Campionato del mondo “sport prototipi”, al volante delle vetture Lancia, vincendo otto prove e sfiorando la conquista del titolo mondiale nel 1982. Per sei volte, nel 1980, e dal 1989 al 1993, è stato Campione italiano assoluto di velocità.

 

Il programma finale della quattro giorni dell’evento partirà giovedì 25 aprile, con i primi allestimenti del paddock in Piazza della Libertà (di fronte alla Prefettura di Bari), che ospiterà tutte le vetture della manifestazione, un simulatore di guida VRS (Virtual Racing Simulator, con il quale chiunque potrà cimentarsi) e gli spazi dedicati ai numerosi sponsor privati. Il posizionamento delle auto storiche avverrà dal pomeriggio di venerdì 26: saranno 50 i bolidi partecipanti, di alto pregio artistico e collezionistico, con equipaggi provenienti da tutta Italia, dalla Lombardia alla Sicilia; in arrivo anche piloti ed auto dall’estero, con due presenze dalla Svizzera, una dall’Olanda e un pilota italo-americano con ben 3 preziosi esemplari di auto d’epoca.

 

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 18 Aprile 2024 05:40 ) Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 45

Testata

Banner